Il deserto Quaresimale

Buona sera!

Il post di oggi introduce il tema del deserto quaresimale, ossia quelle azioni semplici, concrete ed efficaci che possono permetterci di vivere un tempo liturgico intenso.

La Quaresima, così come i giorni trascorsi nel deserto da Gesù, è un tempo particolarmente caratterizzato dalla sobrietà, dall’essenzialità.

Ciascuno di noi è invitato, nel proprio stato di vita, a vivere il deserto e l’Esicasmo  è davvero di grande aiuto.

All’interno della Tradizione e, in modo particolare, nella prassi Benedettina, vi è la Lectio Divina, un modo ulteriore di pregare mettendosi, ogni giorno, in ascolto della Parola.

Perchè la Lectio in Quaresima? Perchè rappresenta un modo bello, semplice ed al tempo stesso tradizionale per “sintonizzarsi” con l’esperienza del deserto, mettendovi al centro il desiderio di incontrare il Signore ed ascoltarlo.

Da questo ascolto profondo, scaturisce la comprensione di ogni vocazione…ed il nostro sì, anche consci delle difficoltà e delle incomprensioni cui andremo incontro.

In che modo dunque, nella nostra specifica quotidianità, la Lectio può  trovare spazio?

DSC07316